TEVERE NEWS La newsletter mensile del Contratto di Fiume Tevere da Castel Giubileo alla Foce – N. 6 dicembre 2020

Iniziative e approfondimenti per riavvicinare i cittadini al Fiume.
Collabora con noi!
email contrattodifiumetevere@gmail.com  sito www.contrattodifiumetevere.it

 

Sommario

FlashNews:
– Contratto di Fiume Tevere: agenda per il 2021
– Convocazione del Tavolo Tecnico per i Contratti di Fiume Regione Lazio
– Recovery Fund e progetto Tevere navigabile, dal mare a Roma percorrendo il fiume
– Avviso Pubblico Contratti di Fiume delle bambine e dei bambini
– Le Terme di Matidia a Isola Sacra

TopNews:
Discesa Internazionale del Tevere – DIT

 

Redazione: Elisa Avellini, Paola Cannavò, Laura Clerici, Romina D’Ascanio, Luna Kappler, Federico Occhionero, Paola Verdinelli

Con la collaborazione di Gianpiero Russo, UISP Acquaviva e Discesa Internazionale del Tevere

 

FlashNews

CONTRATTO DI FIUME TEVERE: AGENDA PER IL 2021

Procedono i lavori del CdF Tevere da Castel Giubileo alla foce per la redazione del Primo Programma di Azione che è stato discusso in un incontro virtuale tenutosi lo scorso 21 dicembre, con ampia partecipazione di enti competenti, promotori e sottoscrittori del Manifesto d’Intenti. Il dibattito ha messo in luce la sentita necessità da parte di tutti gli attori di attenzionare alcuni progetti rivolti ad aree specifiche.
Pertanto nei primi mesi del 2021, il CdF Tevere promuoverà una serie di incontri del territorio con gli enti proponenti e competenti sui seguenti progetti annunciati che interessano l’ambito del Contratto di Fiume:
– Parco d’affaccio “Ponte della Musica”
– “Tevere navigabile”
– Parco d’affaccio “Ponte Marconi”
– Parco d’affaccio “Riva Ostiense – Tiberis”

 

CONVOCAZIONE DEL TAVOLO TECNICO SUI CONTRATTI DI FIUME REGIONE LAZIO

L’Ufficio di Scopo “Piccoli comuni e contratti di fiume” della Regione Lazio ha convocato il CdF Tevere da Castel Giubileo alla foce e il CdF Paglia per il prossimo 20 gennaio per partecipare a una sessione plenaria con il Tavolo Tecnico (deliberazione di giunta 4 giugno 2019 n. 335) al fine di dare avvio ai lavori di confronto.
Il compito del Tavolo Tecnico è quello di fornire il coordinamento regionale ai diversi contratti, verificare la loro coerenza con le politiche regionali e la pianificazione europea, nazionale, regionale e individuare forme di finanziamento.
L’incontro, sarà anche l’occasione, per mettere a sistema quanto, sul territorio interessato dal processo in corso sul Tevere, ha programmato e sta attuando la Regione.

 

RECOVERY FUND E PROGETTO TEVERE NAVIGABILE, DAL MARE A ROMA PERCORRENDO IL FIUME

Il 3 dicembre, in conferenza stampa al Campidoglio, il Ministero Infrastrutture e Trasporti con Roma Capitale e Città Metropolitana di Roma hanno annunciato la proposta di inserire nel Recovery Fund il progetto Tevere navigabile, dal mare a Roma percorrendo il fiume.
Agenda Tevere promotore del Contratto di Fiume Tevere da Castel Giubileo alla Foce ha appreso con interesse la proposta, non senza perplessità. Dal 2017, il CdF Tevere lavora alla costruzione di una progettazione di sistema, integrata e condivisa, per la riqualificazione fluviale nel suo complesso in un processo inclusivo di tutti gli attori del territorio che condividono il reale interesse a valorizzare l’ecosistema fluviale e a rendere il fiume un luogo vissuto da tutti. L’obiettivo è restituire al fiume il ruolo di asse strategico su cui incardinare la riqualificazione dei territori di tutto il bacino. La navigabilità del Tevere è parte del lungo processo di azioni necessarie per la riqualificazione del fiume, ma non deve essere una progettualità fine a se stessa. La possibilità di raggiungere questo obiettivo presuppone infatti la realizzazione di una sequenza di azioni incrementali prioritarie quali l’accessibilità al fiume e alle sue sponde in sicurezza e senza barriere, la fruizione in sicurezza delle acque, e la funzionalità di un sistema di governance che possa garantire la manutenzione ordinaria e straordinaria del fiume e delle sue sponde.
Il Tevere deve diventare l’infrastruttura verde e blu per la sua città e il territorio, obiettivo in linea con uno degli asset fondamentali del Recovery Fund, quello del Green New Deal. È questo l’appello rivolto da Agenda Tevere alle autorità competenti affinché ci sia la concreta possibilità di realizzare un progetto strutturale integrato e partecipato per il fiume nell’ambito del Contratto di Fiume Tevere.
http://www.agendatevere.org/contratto-di-fiume/2020/12/23/appelloteverenavigabile/

 

AVVISO PUBBLICO CONTRATTI DI FIUME DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

La Regione Lazio ha pubblicato l’Avviso Pubblico per il finanziamento di progetti di educazione ambientale volti alla diffusione e promozione dei temi dei Contratti di Fiume, di Lago, di Costa e di Foce. E’ previsto uno stanziamento complessivo di 162.000,00 euro, ed il contributo a fondo perduto per ogni progetto sarà pari al 100% del costo complessivo del progetto fino ad un massimo di 10.000,00 euro.
Potranno partecipare all’Avviso Pubblico gli Enti locali, gli Enti Gestori delle Riserve e dei Parchi nazionali e regionali, gli Enti del Terzo Settore. La scadenza per la presentazione dei progetti è il 28 gennaio 2021. I progetti vincitori dovranno essere realizzati entro il 30 aprile 2022.
I documenti dell’avviso sono consultabili dal sito-web contratti di fiume http://www.regione.lazio.it/rl/contrattidifiume/

 

ACCORDO REGIONE LAZIO-POSTE ITALIANE: NUOVO PARCO FLUVIALE CON LA RIQUALIFICAZIONE DELLA “CASINA” DI LUNGOTEVERE FLAMINIO

Il 22 dicembre presso la Sala Tevere della Regione Lazio sono stati illustrati i contenuti dell’accordo tra Regione Lazio e Poste Italiane per la riqualificazione dell’area del Dopolavoro di Poste Italiane e della sponda fluviale di Lungotevere Flaminio.
Presenti il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Mauro Alessandri assessore Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Wanda D’Ercole direttore Direzione Generale “Lavori Pubblici, Stazione unica Appalti, Risorse Idriche e Difesa del Suolo”, Matteo del Fante amministratore delegato di Poste Italiane, Giuseppe Lasco, Codirettore Generale di Poste Italiane.
Il progetto complessivo prevede la riqualificazione della storica “Casina” (730 mq), la realizzazione di aree ludiche (2.230 mq), di una piazza d’acqua e un’arena sotto il Ponte della Musica, il ripristino di un arboreto fluviale, il ripascimento della sponda, una passeggiata lungofiume e parcheggi. La riqualificazione della storica “Casina” delle Poste italiane porterà con sé la nascita di un parco fluviale: un’area golenale di circa 25.000 mq di cui 10.000 saranno fruibili anche ai cittadini.
https://www.expartibus.it/accordo-regione-lazio-poste-italiane-per-riqualificazione-lungotevere/ 

 

LE TERME DI MATIDIA A ISOLA SACRA

Sono stati finalmente completati i lavori di manutenzione e recupero dell’area archeologica delle Terme di Matidia a Isola Sacra. Il sito si sviluppa sulla sponda sinistra del Tevere ad Isola Sacra ed è compresa tra l’area Archeologica di Portus, la Necropoli di Porto e il campanile romanico e la basilica di Sant’Ippolito del IV secolo. Sulla sponda del fiume sono ancora visibili i resti dell’antico ponte che consentiva l’attraversamento della Fossa Traianea per raggiungere la Città di Ostia. L’intervento realizzato dalla Regione Lazio è stato sollecitato dal Comune di Fiumicino che ha fatto propria l’istanza sollevata da numerosi cittadini e associazioni del territorio tra cui Laborastoria, il Comitato Promotore per il Parco Archeologico. Il tema è stato posto anche all’attenzione dei tavoli del Contratto di Fiume Tevere. Sono finalmente tornati visibili i resti delle antiche terme, in una vasta area verde che si affaccia sul fiume e si auspica che questa piccola perla di bene comune possa essere quanto prima reso fruibile ai cittadini.

 

TopNews

 

Discesa Internazionale del Tevere – DIT

Flash: nel 1969 nasce la Discesa internazionale del Tevere, evento sportivo del turismo fluviale. La DIT promuove la conoscenza del fiume, della cultura e delle tradizioni dei territori tiberini.
in foto: DIT edizione 2019

La DIT Discesa Internazionale del Tevere da Città di Castello a Roma – in canoa, a piedi e in bici – è un evento sportivo ascrivibile alla categoria del turismo fluviale, si svolge da oltre 40 anni dal 25 aprile al 1° maggio ed è divenuto un tradizionale appuntamento nel calendario europeo del settore, secondo solo alla discesa del Danubio. La DIT è una proposta di viaggio “creativo” sul tema del fiume che, attraverso le pratiche escursionistiche riparie e di navigazione sportiva dell’alveo, intende promuovere nuove attenzioni e sensibilità all’ambiente, alla sostenibilità, alla conoscenza del paesaggio, della storia, cultura e tradizioni enogastronomiche dei territori tiberini.
Già negli anni 70 alcuni ardimentosi iniziarono ad affrontare l’impresa di navigare il Tevere su mezzi estemporanei, in canoa o su gommoni recuperando l’antica funzione del fiume, corridoio di trasporto e comunicazione dall’Umbria a Roma “città Maestra”, una vocazione millenaria andata perduta con la modernità a causa di dighe, sbarramenti e captazioni che ne hanno frammentato la naturale continuità fluviale. La DIT ricompone quelle stesse frammentazioni nel percorso fluviale verso Roma, supportando, assistendo e accudendo la variegata e cosmopolita comunità itinerante, dai 5 agli 80 anni, provenienti da più parti d’Italia con tradizionali presenze dalla Germania, Austria, Svizzera e da altri paesi europei e non solo. Fu nel 1982 che Francesco Bartolozzi, pioniere e mentore della canoa turistica oltre che ambientalista ante litteram, organizzò la prima forma strutturata della DIT aperta ai praticanti la canoa fluviale. In breve tempo dai pochi appassionati di quella prima edizione si è giunse gli oltre 200 partecipanti. In anni recenti si sono aggiunti ciclisti e camminatori che hanno dato un impulso notevole alla proposta DIT, recuperando l’antico sistema di connessioni riparie tra fiume e territorio. Ogni anno immancabilmente uno sparuto gruppo di volontari riesce nell’impresa di mettere in moto la complessa e rodata organizzazione per assistere ed accompagnare la colorita carovana itinerante nel viaggio verso Roma, in alcune edizioni arrivando fino al mare. Quest’anno causa COVID la 41a edizione si è svolta in formato ridotto, posticipata a fine luglio e denominata COVI-DIT.
Ogni anno la Discesa organizza, insieme a UISP Acquaviva, un simposio a tema. Tra i diversi temi affrontati, quello relativo ai contratti di fiume è stato oggetto dell’incontro tenutosi il 30 maggio 2016, ospiti della Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa: “I contratti di fiume del bacino del Tevere: le esperienze partecipative si raccontano”. Dieci percorsi partecipativi del bacino tiberino, dall’Alto Tevere alla foce hanno dialogato tra di loro.

 

Diario

1969 – Prima discesa del Tevere in canoa, da Città di Castello a Roma. Si svolse dal 25 aprile al 1 maggio, periodo poi prescelto per le successive edizioni. Organizzata dal milanese Granacci che elaborò anche una prima guida del fiume in cui venivano segnalati le varie rapide e i passaggi invalicabili.

1982 – Terza Discesa, la prima ad essere organizzata da Francesco Bartolazzi considerato il padre della manifestazione. All’ingresso della Capitale il numero dei canoisti raggiunse quota 25.


in foto: archivio DIT 1979-1999

1984 -Grande successo con circa 200 partecipanti. L’esercito fornì assistenza con 2 camion destinati al recupero degli autisti, delle canoe e dei bagagli. Numerosa partecipazione di equipaggi tedeschi attratti anche dalle bellezze paesaggistiche ed artistiche del territorio tiberino.

2002 – Viene aperta una mostra permanente sulla Discesa del Tevere presso la sede della Pro Loco di Sant’Angelo di Celle – Deruta.
2019 – il CdF Tevere partecipa alla DIT (in foto)

Fonte: www.discesadeltevere.org

Buone prassi

 

Discesa Internazionale del fiume Sella

La discesa fluviale tra Los Arriondes-Arriondas e Ribadesella-Ribeseya è la Festa delle Canoe dichiarata di Interesse Turistico Internazionale nel 1980. Si tiene il primo sabato di Agosto. La sua origine risale al 1930. Venne riconosciuta a livello internazionale nel 1951 divenendo un appuntamento imperdibile per i migliori canottieri del mondo.
https://www.turismoasturias.es/it/turismo-activo/fluvial

Discesa internazionale del Danubio – TID


Nel 1956 nasce il Tour International Danubie, il viaggio più lungo per canoe e barche a remi lungo il Danubio che attraversa l’Europa da ovest ad est e collega dieci paesi. L’evento si svolge il penultimo fine settimana di giugno prendendo il via a Ingolstadt per poi attraversare i paesi co-organizzatori Austria, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Serbia, Bulgaria e Romania. Termina nella prima settimana di settembre, dopo 2.516 Km, a SF Gheorge sul Mar Nero. Obiettivo principale della TID è quello di riunire attraverso lo sport persone di diverse culture, religioni e politiche.
https://www.tour-international-danubien.org/index_E.php

 

Scarica il PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *